Virus Erpetici

I Virus Erpetici sono virus a DNA con envelope, appartenenti alla famiglia delle Herpes Vidae. I virus erpetici sono responsabili di infezioni primarie litiche, la cui durata varia a seconda dello stato immunitario del soggetto, a seconda del quale possono trasformarsi in infezioni latenti.

Il Sito di Latenza così come la patologia ad esse associata cambia a seconda della sottofamiglia del virus. In presenza di sintomi indicativi di un'infezione erpetica il Medico richiederà accertamenti diagnostici.
I test sierologici ricercano gli Anticorpi prodotti contro il virus: le IgM prodotte durante la prima fase dell'infezione indicano la presenza di un'infezione recente e presumibilmente in atto, non si rialzano quasi mai durante le riattivazioni. La ricerca delle IgM è un'indagine poco sensibile e specifica, ormai soppiantata dalle tecniche di Biologia Molecolare che ricercano e possono anche tipizzare e quantificare il DNA virale.


La Igg, gli anticorpi prodotti nella fase tardiva dell'infezione, rimangono tutta la vita, risultando positive in caso di infezione pregressa, non si rialzano mai in caso di riattivazione. Per capire quanto sia lontana nel tempo l'infezione, per alcuni Virus Erpetici sono disponibili anche i Test di Avidità della IgG, maggiore è l'avidità, maggiore è la lontananza dell'infezione nel tempo.


Le infezioni da Virus Erpetici sono di grande rilevanza clinica e la pronta diagnosi con i Test di Biologia Molecolare permette un trattamento rapido ed efficace quando disponibile.
Tali Test, sensibili e specifici, riescono a rilevare l’infezione anche nella fase di incubazione se il prelievo viene fatto nel sito di infezione e replicazione primaria (ad es. Tampone Faringeo per il Virus della Varicella o di Eipstein Barr). Con i Test di Biologia Molecolare è possibile anche rilevare le infezioni croniche caratterizzate dalla replicazione virale in presenza di anticorpi IgG.

I Virus erpetici sono 8 e hanno manifestazioni cliniche, alcune similinfluenzali aspecifiche, altre patognomoniche.

- Herpes Simplex Virus 1 E 2 (HSV1-2): infettano lemucose, rispettivamente labiale (herpes labiale) e genitale (herpes genitale), anche il sito di infezione può essere invertito. Il sito di latenza è il Ganglio Sensitivo, che riceve in nervi efferenti alla zona primaria di relicazione.

- Virus della Varicella Zooster: è responsabile della varicella durante l'infezione primaria, dello zooster o fuoco di Sant'Antonio durante la riattivazione e il sito di latenza è lo stesso degli HSV1 e 2.

- Epstein-barr Virus o HHV4: causa durante l'infezione primaria la Mononucleosi Infettiva, detta anche malattia del bacio. Il sito di latenza sono i linfociti B e le cellule epiteliali della mucosa prevalentemente salivare, ma si trova anche a livello delle vie genitali e nell'intestino. Durante la fase cronica dell'infezione il virus può indurre trasformazione, infatti è stata associata a Linfoma di Burkitt, Carcinoma nasofaringeo, Disordine linfo-proliferativo post trapianto, Disordine linfoproliferativo associato all'X, Linfoma effusivo primitivo, Linfoma di Hodgkin, Linfoma diffuso a grandi cellule B, Carcinoma gastrico. L’infezione da EBV è stata associata anche alla Sclerosi multipla e alla Stomatite aftosa.

- Citomegalovirus o Herpes Virus umano 5: causa sintomi simili all'infezione da EBV. Se contratto in gravidanza può causare Microcefalia nel nascituro, o sordità. Il sito di latenza sono i Linfociti, Monociti e Neutrofili.

- Herpesvirus umano 6 e 7: causano la roseola infantum o IV malattia. Si presenta nei bambini tra i 6 mesi e i 2 anni di età, con sintomi quali esantemi, febbre, gonfiore attorno all'orecchio e linfonodi ingrossati. Il sito di latenza sono i linfociti T CD4 + per HHV7, anche le cellule Natural Killer, astrociti e monociti.

- Herpesvirus umano 8: è caratterizzata da un'infezione primaria con sintomi generalmente subclinici, durante la latenza può causare il Sarcoma di Kaposi, generalmente in soggetti HIV positivi o immunodepressi per altre ragioni, anche se ne esistono diverse; L'infezione da HHV8 è associata anche a Linfomi primitivi (linfoma primitivo delle cavità sierose), Malattia di Castleman multicentrica (iperplasia linfoide generalizzata).


Scopri di più

Richiesta Informazioni

Invia