Intolleranza al Lattosio

Nel latte, il 98% degli zuccheri presenti è rappresentato dal lattosio, uno zucchero disaccaride. Dopo essere stato ingerito, il lattosio idrolizzato a livello del duodeno grazie all’azione dell’enzima lattasi, presente sulle cellule della mucosa intestinale assorbente, che lo divide nei due zuccheri che lo costituiscono: Galattosio e Glucosio. Nel soggetto intollerante al lattosio, questo zucchero non viene digerito e rimane nell'intestino. Qui viene metabolizzato da batteri intestinali con la produzione di una miscela di gas (anidride carbonica, idrogeno, metano) e la generazione di un effetto osmotico con richiamo di acqua, che insieme determinano i tipici sintomi dell’intolleranza, che sono diarrea, nausea, senso di gonfiore e meteorismo.

Le cause dell'intolleranza al lattosio possono essere diverse, più o meno rare: la Deficienza congenita nella produzione di lattasi, che si manifesta fin dalla nascita, è molto rara ed è causata dall’incapacità, su base genetica, di produrre lattasi. La Deficienza primaria di lattasi, che con lo svezzamento, nei soggetti intolleranti, fa si che la lattasi non venga più prodotta o prodotta in quantità sempre più limitate. La Deficienza secondaria di lattasi, che si manifesta in soggetti con lesioni all’intestino tenue, e conseguente danno alle cellule produttrici di lattasi. Le patologie che possono causare tali lesioni a livello intestinale sono: morbo di Crohn, celiachia, infiammazioni e infezioni all’intestino.
È possibile eseguire due diversi test per verificare un'eventuale intolleranza al lattosio:

- Il Breath Test, che consiste nell'assunzione da parte del paziente di lattosio, a seguito della quale verrà misurata ogni 30 minuti per tre ore la concentrazione di idrogeno nell'espirato. Questo test ha lo svantaggio di poter fornire risultati falsi positivi in caso di intolleranza ad altri componenti del latte, e dei falsi negativi se il paziente avesse assunto antibiotici, o presentasse disturbi gastrici, oppure se non presentasse una flora batterica intestinale capace di produrre idrogeno.

- Il Test Genetico è la metodologia più innovativa per diagnosticare un'eventuale intolleranza. Questo test non è invasivo, ed evidenzia la predisposizione del soggetto a sviluppare un'intolleranza al lattosio. Questo test funziona rilevando un polimorfismo in un determinato gene, a monte del gene che codifica per la lattasi. Questo test ha un'elevata percentuale di affidabiltà e sensibilità.
Il prelievo consiste in un campione della mucosa orale, ottenuto tramite un tampone.

Scopri di più

Richiesta Informazioni

Invia