Profilo Tiroideo

La Tiroide è una ghiandola endocrina situata nel collo; si può dire che sia preposta alla produzione di ormoni contenenti iodio, che attraverso il circolo sanguigno raggiungono tutti gli organi bersaglio. La produzione degli ormoni varia in base alla loro concentrazione nel sangue.

Lo iodio è un componente essenziale per la produzione di questi ormoni, e una sua eventuale carenza determina un malfunzionamento della ghiandola. È quindi importante assumerlo in quantità ottimali, seguendo una dieta varia e bilanciata, utilizzando ad esempio sale iodato.

Essendo i sintomi delle disfunzioni della tiroide aspecifici a volte è difficile individuare un suo malfunzionamento.


Il malfunzionamento della tiroide può essere dovuto a:

- Ipotiroidismo: si presenta nel caso in cui la ghiandola non sia in grado di sintetizzare abbastanza ormoni per il fabbisogno dell’organismo, e porta alla riduzione di tutte le funzioni degli organi bersaglio e a sintomi come aumento di peso, stanchezza, astenia, depressione, stipsi e gonfiore al volto (mixedema).

- Ipertiroidismo: contrariamente all'ipotiroidismo, è dovuto ad una eccessiva produzione ormonale da parte della tiroide, che causa un'esposizione troppo elevata dei tessuti periferici agli ormoni tiroidei.
I sintomi comprendono: aumento di volume della tiroide, perdita di peso, intolleranza al calore, alterazioni della cute e dei capelli, insonnia, aumento delle contrazioni cardiache.

- Tiroidite: un processo infiammatorio della tiroide abbastanza diffuso, soprattutto tra le donne; ne esistono diverse forme, la più comune è la tiroidite di Hashimoto. Questo è uno dei disturbi più frequenti, che interessa soprattutto le donne in età fertile, a causa di una maggiore predisposizione generale del sesso femminile alle malattie autoimmuni.
I sintomi solitamente sono: un notevole aumento di volume della ghiandola tiroidea, debolezza, aumento di peso, depressione, cute pallida e fredda.

Se sospetti di avere un problema alla tiroide, è opportuno eseguire i seguenti esami, per poter intraprendere il percorso terapeutico più adatto:

- il dosaggio dell'ormone triiodotironina (T3) e dell'ormone tiroxina (T4) nel sangue
- il dosaggio della parte libera dell'ormone T3 e dell'ormone T4 chiamato rispettivamente FT3 (Free T3) e FT4 (Free T4)
- l'analisi del TSH o ormone tireotropo
- l'analisi degli anticorpi anti-tireoglobulina (anti-TG) o degli anticorpi antitireoperossidasi (anti-TPO) chiamati anche anti-microsomi

Tutte le analisi consistono in semplici prelievi di sangue da eseguire a digiuno, per evitare che il metabolismo del cibo interferisca con i risultati.
Per quanto riguarda i farmaci, solo quelli che agiscono sulla tiroide possono alterare il risultato degli esami.


Scopri di più

Richiesta Informazioni

Invia