Markers Tumorali

La presenza di un tumore nell'organismo lascia dei segni che possono essere osservati tramite delle analisi.
Tali analisi non sono sufficienti a diagnosticare un tumore, infatti non possono sostituire uno screening, ma sono utili per un'eventuale conferma della diagnosi. Queste analisi vanno a verificare il quantitativo di determinate sostanza nel sangue del paziente, che in presenza di un tumore risulteranno alterate. Tali sostanze non sono prodotte dal tumore stesso, ma dalle nostre normali cellule, quindi sono presenti comunque nel nostro organismo; nel caso in cui si sia contratta questa malattia tuttavia, la loro concentrazione risulterà aumentata.
Le analisi vengono generalmente prescritte da un Oncologo, principalmente allo scopo di monitorare e tenere sotto controllo la malattia, quando si ha già la conferma che essa ci sia. Tuttavia, possono essere prescritte anche nel caso in cui sia necessario un rafforzamento della diagnosi.
I Markers Tumorali sono di diversi tipi:

- CEA (antigene carcino-embrionario). Una sua alterazione viene associata ad un tumore all'intestino, alla mammella, del polmone, dell'ovaio, dell'utero e del pancreas. Dei valori fuori dalla norma tuttavia possono essere dovuti anche in caso di malattie non tumorali, quali: bronchite cronica, tubercolosi, cirrosi epatica, colite ulcerosa e pancreatite. Anche in alcune persone sane, ma che fumano molto.

- I Mucinici, in particolare il CA125, il CA19-9, il CA15-3 , CA72-4, CA50. Il CA125 è particolarmente indicato per verificare l'andamento delle cure del tumore dell'ovaio. Il CA 19-9 è legato al tumore dell'intestino, ma principalmente a quello del pancreas. Tuttavia anche questo valore può essere alterato in caso di pancreatite, fibrosi cistica o colite ulcerosa.

- Alfa-feto proteina (aFP). Un aumento della concentrazione di questa proteina può essere correlata a malattie epatiche, e più raramente a tumori dell'apparato digerente, del polmone, dell’ovaio e del testicolo.

- Il TPA (antigene polipeptidico tessutale). Questo marcatore esprime la velocità del ricambio cellulare, quindi è utile al medico principalmente per capire quanto velocemente può diffondersi il tumore. Questo valore non è specifico di un particolare tumore, poiché aumenta in molte malattie tumorali o infiammatorie.

- Cyfra 21. Questo esame viene solitamente prescritto per tenere sotto controllo eventuali recidive a seguito di un intervento chirurgico, soprattutto nei casi di alcuni tumori della mammella, del carcinoma polmonare squamo cellulare e dei tumori della testa e del collo.

- HE4 (ovarian cancer marker). La concentrazione di questa glicoproteina risulta alterata principalmente nei casi di carcinoma ovarico. Essendo questo marker più specifico del CA125, l'esecuzione dei due esami può aiutare a distinguere tra patologie benigne e maligne.

- NSE (enolasi neuronale specifica). Questa sostanza si trova nel citplasma, e viene rilasciata in seguito alla rottura di una cellula. Livelli elevati sono associati principalmente al cancro del polmone a piccole cellule e al neuroblastoma.

Scopri di più

Richiesta Informazioni

Invia